Resta in contatto

Rassegna Stampa

CorSera, “Petrachi a gamba tesa: «Roma, ti ricostruirò così»”

La prima conferenza stampa del nuovo ds giallorosso ha gettato le basi del modus operandi di Petrachi: e non sono mancate le frecciatine…

Nella sua prima conferenza da direttore sportivo della Roma, Gianluca Petrachi non le manda a dire a nessuno: “Chi viene con la pancia piena o pensa solo al dio denaro non è ben accetto perché la Roma non è una succursale”. Il primo messaggio ai naviganti è per l’InterDzeko e il suo amico Conte: “Non accetto ricatti. Edin si renderà conto che l’aria sta cambiando ma se non ha gli stimoli giusti, venga con una squadra che porta il grano e potrà andare. Non mi piace essere preso per la gola, non ci faremo strozzare da nessuno”.

Su Zaniolo ed El Shaarawy poi è stato molto chiaro: “Zaniolo ha fatto un finale di campionato non all’altezza delle sue possibilità. Dovremo adeguargli il contratto, ma qui si fa presto a rendere un mito chi ha fatto 15 presenze in Serie A. Ad El Shaarawy vogliamo rinnovare l’accordo ma non posso offrirgli i soldi della Cina. Se vuole rimanere, cercherò di accontentarlo, ma non trattengo nessuno con la forza”. Di nomi di possibili acquisti non ne fa, ad eccezione di Higuain: “Chi lo discute è un pazzo. Se ritrovasse le motivazioni non ci sarebbe niente di meglio per la Roma: potrebbe seguire le orme di Batistuta, che qui ha lasciato un segno indelebile”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa