Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

CorSport, “Gerson, ora ci siamo: Flamengo. La Roma incassa subito 10 milioni”

10 milioni alla Roma che si garantisce anche una percentuale del 10% sulla futura rivendita

“Tutti vorrebbero giocare nel Flamengo, speriamo che l’affare con la Roma vada in porto”queste la parole di Gerson che ufficializza la sua preferenza, dopo aver rifiutato la proposta della Dinamo Mosca, che gli avrebbe garantito molto più denaro.

Dopo una prima offerta insufficiente da parte del Flamengo, stavolta dovrebbe essere fatta: 10 milioni alla Roma che si garantisce anche una percentuale del 10% sulla futura rivenditaArrivato in Italia nel 2016 dopo un corpo a corpo con il Barcellona, il giocatore non si è mai dimostrato all’altezza dei 19 milioni pagati dai giallorossi. Dopo due anni da comparsa con Spalletti e Di Francesco ha trovato maggiore continuità alla Fiorentina, ma ora a 22 anni vuole tornare in Brasile e ricominciare da capo.

Il suo trasferimento libera la Roma di una situazione difficile da gestire, già due anni fa il calciatore aveva rifiutato il Lilla con i contratti tra i club già firmati. Ora Petrachi deve liberarsi di altri due giocatori che costano molto, Gonalons e Nzonzi. Il primo spera di tornare al Siviglia, mentre per il campione del mondo è più complicato e non rientra nei piani di Fonseca.

Dopo l’arrivo di Pau Lopez, Petrachi sta cercando una squadra anche a Robin Olsen, le piste turche non sembrano interessarlo e il ds è alla ricerca di una squadra in Inghilterra o in Germania che sia disposta a investire almeno 9 milioni, sempre per il solito problema delle minusvalenze. Lo riporta il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa