Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Veretout, la Roma accelera”

Si prova a stringere per Veretout aspettando di capire il futuro di Alderweireld e Almendra

Petrachi è pronto a stringere per Veretout aspettando di capire i margini per Alderweireld e Almendra: il Boca chiede il pagamento della clausola da 27 milioni.

Il centrocampista della Fiorentina è rimasto in Italia mentre la sua squadra oggi partirà per gli USA. I Viola hanno incontrato il Milan e l’appuntamento con i giallorossi è slittato alla prossima settimana.

I rossoneri hanno tolto Biglia dalla trattativa e alzato l’offferta cash da 15 a 18 milioni, non sufficienti. Petrachi sa di essere in vantaggio sia come offerta economica, disposto ad arrivare a 20 milioni, sia inserendo una contropartita come Defrel che piace ai toscaniFonseca intanto ha già dato il suo ok, convinto di poter utilizzare il francese in più ruoli del campo.

Per Alderweireld sono state ascoltate le richieste e l’appuntamento è stato rimandato a quando la Roma avrà il via libera del Tottenham. Esiste una clausola da 28 milioni valida fino al 25 luglio e la società capitolina vuole abbassarla più o meno alla metà, non sarà facile. Per Mancini a Trigoria si accelererà soltanto se l’Atalanta, nell’appuntamento di lunedì, accetterà le condizioni giallorosse: prestito iniziale, meglio se biennale, pagamento pluriennale e valutazione sui 20 milioni.

Per l’attacco nei giorni scorsi è stato offerto Bailey, ma l’ipotesi è stata scartata. Ufficiale la cessione di Gerson ed ora Petrachi si concentra su OlsenNzonzi e Pastore. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa