Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Castan: la malattia mi ha reso migliore. Sinisa, prego per te: so che ce la farai”

“Ho scritto a Sinisa che gli sarò vicino e che pregherò per lui”

Leandro Castan, ex difensore della Roma, attualmente al Vasco da Gama, ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero e ha parlato della malattia che ha colpito Sinisa Mihajlovic, essendo stato diagnosticato a lui stesso un cavernoma proprio mentre era in giallorosso. Queste le sue parole:

Cosa si prova quando ti informano di avere un male così grave?
È impossibile descriverlo a parole. Io l’ho superato grazie alla fede in Dio e alla mia famiglia che sono quelli che mi sono stati vicino e mi hanno aiutato a sopportare tutto. A Sinisa ho scritto in privato, gli ho detto che gli sarò vicino e che pregherò per lui.

Come ti cambia la malattia?
In tutto. Inizi a guardare le cose con altri occhi. Io sono diventato una persona migliore. Devi approfittare della lezione che ti dà la vita per fare qualcosa di buono, sono cambiato come uomo.

Il Bologna ha deciso di non cambiare tecnico, è una scelta che può aiutare?
Sabatini è il direttore sportivo e lo è stato anche nella Roma quando io volevo smettere. È stato lui a convincermi a continuare. Sono sicuro che avrà un supporto incredibile e sono molto contento che il Bologna abbia deciso così. Lì lo aiuteranno a uscire da questa situazione. Se gioco ancora a pallone è grazie a Sabatini, non mi ha fatto mollare.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa