Resta in contatto

Rassegna Stampa

CorSport, “Higuain, il rilancio da Londra”

Alla Roma serve un attaccante pronto subito e l’argentino resta sempre la prima scelta

Petrachi ha avuto il via libera da Pallotta per aumentare il budget per cercare di convincere Higuain. La Roma però dovrà anche incrementare il bottino per i rinforzi della rosa attraverso la cessione di alcuni ragazzi. Gianmarco Cangiano ieri è stato ceduto al Bologna per un milione e mezzo, ma i giallorossi mantengono il 30% sulla futura rivendita. La nuova linea è quella di non fare contratti importanti a giovani ancora lontani dalla prima squadra, perciò il calciatore ha spinto per essere ceduto. Alla Roma nel frattempo serve un attaccante pronto subito e Higuain resta sempre la prima scelta. Di ritorno dal viaggio a Londra, Fienga, Baldissoni e Calvo hanno dato l’input a Petrachi di fare di tutto per convincere il Pipita.

Il club proverà il tutto per tutto, dopo aver raggiunto già un accordo con la Juventus. I bianconeri torneranno la prossima settimana dalla tournée in Oriente e allora potrà esserci un’accelerata. L’Inter aspetta Dzeko ma sa che sarà libero una volta arrivato l’argentino a Roma. Non c’è spazio per Higuain nella Juventus, non rientra nei piani di Sarri e solo Cristiano Ronaldo supera il suo attuale ingaggio da 7,5 milioni più bonus. Fonseca lo considera il miglior centravanti per il suo gioco e gli ha parlato per convincerlo, chiedendo a Petrachi di non mollarlo. Anche l’Inter aspetta, perché solo in caso di un suo approdo alla Roma Conte potrà avere Dzeko. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa