Resta in contatto

Rassegna Stampa

CorSport, “Poca Roma. Senza Dzeko solo pari”

L’assenza del bosniaco, nell’attacco giallorossa, impoverisce le soluzione per far male all’avversario

Ancora una volta il protagonista è stato Dzeko in assenza e in presenza. E’ stato più volte acclamato dai tifosi ed è ha giocato uno scampolo di partita coccolato dai compagni. Si è promesso all’Inter e quella di Ferragosto potrebbe essere l’ultima settimana da centravanti della Roma. I giallorossi non hanno ancora un’alternativa all’altezza e vogliono 20 milioni più bonus, ma la storia è ormai al capolinea. Quando manca uno come Edin si vede, la squadra è prevedibile e sterile. La partita è stata più dura del previsto, le due squadre erano molto corte e il tema del pressing alto è stato lo spartito della serata. Lo fa benissimo il Bilbao che ha gamba e palleggia con disinvoltura. Gli errori sono tanti e il gol del vantaggio dei baschi nasce proprio da una distrazione di Diawara, che si fa soffiare la palla da Williams.

Nella ripresa qualche cambio, la Roma è aggressiva ma manca il terminale offensivo. Dzeko entra in campo al 67′, ma nel frattempo la Roma ha pareggiato con una punizione di Kolarov. Il Bilbao non è tenero, espulso Yuri, e trova il vantaggio con un rigore di Raul Garcia. L’ultimo guizzo della Roma è sull’asse Kolarov-Kluivert-Zaniolo con un penalty procurato da quest’ultimo, ma con la palla che ha toccato il suo braccio. Errore dell’arbitro, non aiutato dal ragazzo, ira del Bilbao e pareggio finale.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa