Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zappacosta: «Con Florenzi c’è sana rivalità, farà bene a tutti»

Si sono presentati a Trigoria i due nuovi difensori, Zappacosta e Cetin

La concorrenza con Davide Zappacosta non sarà un problema per Alessandro Florenzi. Entrambi sono gestiti dallo stesso procuratore che, quando ha chiesto il parere del capitano romanista, si è subito detto contento ad accogliere un rinforzo valido. «Una sana concorrenza fa sempre bene, sono contento di essere arrivato qui e giocare nel suo stesso ruolo», ha detto l’ex Chelsea in conferenza stampa. Nonostante i due anni a Stamford Bridge in cui il terzino non ha brillato, Petrachi lo ha scelto per affidargli la corsia di destra lasciando libero Florenzi di avanzare: «Mi sento maturato a livello umano e caratteriale, è stata un’esperienza che mi ha dato tanto. Mi ha dato tanto dal punto di vista umano e calcistico. L’Europa League? Ho avuto la fortuna di vincerla, vogliamo fare il massimo per arrivare in fondo a ogni competizione. Ho tanta voglia di iniziare un percorso importante con la Roma a partire da adesso».

Stessa voglia che ha anche Mert Cetin il difensore turco di 22 anni tirato fuori dal cilindro da Petrachi. Il centrale non ha paura delle aspettative, anzi rilancia: «Sergio Ramos è un mio idolo, però, il mio nome è Mert Cetin. In un paio d’anni riuscirò a far parlare di me e non solo di Ramos. Come lui sono un giocatore duro e aggressivo, riesco a far ripartire la difesa. Per me è un idolo ma, vorrei che scrivessimo il mio nome tra gli annali». Parole da campione in erba che a Trigoria sono impazienti di schierare in campo: «Avrò bisogno di un periodo di adattamento. Fonseca mi ha detto di avere molta grinta e di mettere impegno in quello che faccio». Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa