Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Pasquali (intermediario Smalling): “Chris farà bene alla Roma” (AUDIO)

L’intermediario dell’operazione che ha portato il centrale inglese a Roma: “E’ un giocatore con tantissima esperienza. Farà crescere tutto il reparto”

Ai microfoni di Tele Radio Stereo è intervenuto Tiziano Pasquali, intermediario nella trattativa che ha portato Chris Smalling alla Roma dal Manchester United:

E’ stata bravissima la Roma, abbiamo lavorato in maniera tranquilla e serena. Senza l’aiuto di tutti quanti non sarebbe stato possibile chiudere la trattativa.

Come si è convinto un giocatore in così poco tempo?
Io ho fatto 6 anni come responsabile del Nord Europa per l’Atalanta, qualche giocatore l’ho portato. Quando porto un giocatore quello che faccio è avere già in mente il gioco del mister e quelle che sono le qualità che si ricercano. Capisco che in questo momento i tifosi della Roma sono divisi, ma è un difensore centrale che arriva nel momento massimo della sua carriera, e che ha disputato 322 gare con la maglia del Manchester United. Non so quanti difensori italiani hanno avuto successo in Premier League, gli unici giocatori sono stati 3-4, tra cui Vialli e Zola. Quello che voglio far capire ai tifosi è che chi sta venendo adesso a Roma non lo fa per perdere tempo, ma perché ha intenzione di riprendersi il posto in nazionale e di fare bene. Inoltre Smalling ha scelto anche la Roma perché ci sono giocatori che conosce bene, come Dzeko e Kolarov. Bisogna avere pazienza e fiducia ai giocatori; con Smalling non servirà nemmeno troppo tempo. Ogni romanista è dispiaciuto che non ci siano più due figure storiche come Totti e De Rossi. Però il calcio continua, l’idea che ci siamo fatti all’estero, sentendo i tifosi, è che la Roma è in un momento di grande difficoltà. Quello che vedo io, da addetto ai lavori, è che da un paio di anni a questa parte si è iniziato a lavorare in maniera totalmente differente da prima. Si dice si o no, non forse, e in questo lavoro sono i forse che rallentano le trattative e creano difficoltà.

Quali possono essere le difficoltà iniziali di Smalling?
Il giocatore deve capire i meccanismi del mister, ma l’ambientamento può avvenire nel breve tempo. Certo, molto dipende dall’abilità del giocatore di ambientarsi, ma non abbiamo portato a Roma il ragazzino alle prime armi. Quello che è stato fatto dal ds Petrachi e dalla società è trovare un profilo che dia sostanza al reparto e che faccia crescere Mancini e gli altri giovani.

Che tipo è Smalling fuori dal campo?
E’ un ragazzo con la testa sulle spalle. La famosa dieta vegana, di cui si parla tanto, non è dovuta a motivi etici o altro, ma solo perché lui stesso ha notato benefici fisici da quando ha iniziato a seguirla.

QUI IL PODCAST DELL’INTERVISTA

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato