Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Delio Rossi: “Uomo derby? Florenzi e Correa”

L’ex tecnico dei biancocelesti ha parlato in vista della stracittadina

Delio Rossi, ex tecnico della Lazio, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport sulla stracittadina:

Che derby si aspetta?
“Una sfida che come sempre sfuggirà a ogni pronostico. Conta molto scendere in campo con la giusta tensione. Sarà un derby anomalo visto che si disputa alla seconda giornata di campionato: una situazione che probabilmente escluderà certi calcoli tattici. Ne trarrà vantaggio lo spettacolo, ma andrà considerato che le due squadre non possono essere già al 100%”.

Come si presentano Lazio e Roma al primo faccia a faccia stagionale?
“La squadra di Inzaghi ci arriva meglio: è più rodata, ha subito meno cambiamenti con alcuni innesti per rendere più omogeneo l’organico. La formazione di Fonseca è ancora un cantiere dopo una nuova rivoluzione che ha mutato la guida tecnica. E col Genoa sono emersi alcuni problemi in fase difensiva. A livello individuale, la Roma mi sembra inferiore alla Lazio”.

Chi sarà l’uomo derby?
“Spesso emerge chi non ti aspetti. Quindi, oltre ai vari Milinkovic, Dzeko e Immobile, punterei su Florenzi. Da romano, romanista e nuovo capitano si esalterà. Sull’altro fronte Correa col suo gioco tra le linee potrà dare molto fastidio alla Roma. È cresciuto tanto: lo vedo come rivelazione della Lazio visto che sta anche segnando”.

Zaniolo andrà al top?
“Ha già mostrato le sue grandi qualità. Lo scorso anno gli è mancata la continuità dopo un grande inizio. Come fisico e tecnica, può diventare devastante”.

Il derby come spareggio anticipato per la Champions?
“No, è troppo presto, Per quell’obiettivo vedo meglio la Lazio. La Roma se non verrà aggiustata in corsa farà fatica ad arrivare tra le prime quattro”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa