Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Francesca Costa: “Gli insulti dei laziali? Mi fanno ridere. Nicolò è felice alla Roma”

Parla la mamma del numero 22

Francesca Costa, madre di Nicolò Zaniolo, ha rilasciato alcune dichiarazioni al Corriere dello Sport:

Signora Costa, Torniamo a domenica?
“Per dire cosa?”.

Beh, per un commento sugli insulti dalla Curva Nord durante il derby.
“Ah guardi, ci siamo fatti quattro risate in famiglia”.

Risate?
“Sì, risate. Ero con mio marito Igor in tribuna. E anche dopo, con Nicolò, abbiamo scherzato: ‘Hai visto cosa pensano i laziali della mamma?‘. Queste cose per fortuna non ci toccano. Mi è dispiaciuto solo per l’altra figlia, Benedetta, che è una adolescente e può rimanerci male. Ma l’ha capito anche lei che non è niente di grave”.

E se sentisse ancora apostrofare in malo modo la sua mamma in uno stadio come reagirà?
“Da uomo forte. Se ha resistito durante il derby, il resto sarà semplice. I tifosi avversari vorrebbero turbarlo con questi mezzucci, ma non ci riusciranno”.

Soldi e fama non stanno cambiando Nicolò?
“Assolutamente no. Ha avuto un appannamento nei mesi scorsi, è vero. Ma la persona è la stessa di prima. Non è facile per un ragazzo di nemmeno vent’anni passare dall’anonimato alla vetrina di una squadra importante. Ci siamo confrontati anche tra noi, lo abbiamo seguito per accompagnarne la maturazione, e credo che i risultati si stiano vedendo”.

La rapina degli scorsi mesi ha rischiato di farvi lasciare Roma?
“No, assolutamente. Non so nemmeno se ci siano state trattative concrete oppure offerte in estate, di queste cose non mi occupo. So soltanto che adesso Nicolò è felicissimo di giocare nella Roma. Non poteva essere un incidente privato a cambiare la sua carriera”.

Cosa è successo davvero con Kean in quel famoso ritiro?
“So di un ritardo a una riunione tecnica. Se poi c’è altro non me l’hanno detto. Non è nemmeno così importante. Se Roberto Mancini oppure altre figure qualificate della federazione l’hanno sanzionato, ci deve essere una ragione. Non metto il becco in vicende che non mi riguardano come non accetterei, da madre, se qualcuno criticasse una punizione inflitta da me”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa