Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Premi, investimenti, viaggi e brand: il futuro di Totti

L’ex bandiera giallorossa decide di mettersi in proprio. Nei prossimi giorni toccherà diversi paesi, tra cui Russia, Cina ed Argentina

Il futuro di Francesco Totti sembra essere ormai chiaro. Il capitano giallorosso, abbandonata l’idea di lavorare a stretto giro con qualche club, ha deciso di mettersi in proprio, impegnandosi attivamente nella sua scuola calcio e sul marchio che porta il suo nome. Ma non solo: oltre a ciò l’agenda di Totti è fitta di impegni e premi, primo fra tutti il “Football Heroes Award“, per il quale è già in viaggio verso la Russia.

Ieri a Fiumicino l’ex 10 della Roma ha parlato anche dell’importanza di questi eventi: “Gli ex calciatori possono dare un grande sviluppo al calcio come manager di club o nelle federazioni. Ne sono certo. Per me è divertente veder assegnati premi a tutti coloro che contribuiscono a rendere il calcio divertente. Mosca è una città che mi piace, mi divertirò a passeggiare e a incontrare anche alcuni tifosi della Roma che vivono qui. E poi vorrei vedere alcune partite del campionato russo”. Dopo la Russia, tappa in Cina e poi in Argentina, per assistere a qualche sfida del Boca dei suoi amici De Rossi e Burdisso. Oltre ai viaggi, spazio anche alle collaborazioni: Totti è in ottimi rapporti con la FIGC, è ambasciatore italiano per Euro 2020 e continuerà a collaborare con la federazione per alcuni progetti. Lo scrive gazzetta.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa