Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca riscrive il futuro: “Non voglio più vedere la squadra del derby”

Il tecnico portoghese vuole più coraggio dai suoi

Continua a tenere banco a Trigoria il caso infortuni, già 6 da inizio stagione, che non permettono a Paulo Fonseca di schierare la squadra al completo. Il tecnico è al lavoro assieme al suo staff per prevenire i guai muscolari dei calciatori, ma davanti a sé ha il Sassuolo contro cui è obbligato a vincere per non perdere terreno in classifica. L’ultimo pareggio nel derby non gli è affatto piaciuto per come è avvenuto: “Contro la Lazio la squadra è rimasta troppo passiva, a me invece piace avere più coraggio. E non voglio più rivedere quel tipo di prestazione. Smalling ha avvertito un dolore all’adduttore e non abbiamo voluto correre rischi per evitare un peggioramento, non è stato un infortunio muscolare. Spinazzola ha avuto un problema che si può verificare. Pastore ha una storia recente di infortuni. Under si è fatto male in Nazionale. Sono due casi che dal mio punto di vista meritano la nostra attenzione, premesso che Diego ha un passato di infortuni. Sono casi particolari perché Perotti si è fatto male mentre provavamo le palle da fermo, mentre Davide nel pre partita del derby“.

Insomma, Fonseca prova a non vedere tutto nero: “Non sono state situazioni nella norma e per questo dobbiamo approfondire ulteriormente, possono anche entrare in gioco motivi legati allo stress o di natura psicologica. Sono problemi che riguardano tutti i club europei. Stiamo sviluppando con lo staff, i nutrizionisti e i preparatori, programmi rigorosi per prevenirli, ma non è possibile farlo al 100%“. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa