Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, comincia lo spettacolo

Prima vittoria giallorossa: poker al Sassuolo

La Roma entra in scena e sistema la sua classifica piazzandosi in scia alle big. 4 gol in poco più di mezzora contro il Sassuolo e vittoria finale, per 4-2, meno larga di quanto racconta il film del match. Alle reti di Cristante, Dzeko, Mkhitaryan e Kluivert vanno aggiunti i tre legni colpiti da Pellegrini, lo stesso bosniaco e Mancini.

L’impronta di Fonseca è evidente con Veretout e l’armeno debuttanti importanti. Il mediano è dinamico accanto a Cristante, fisicamente potente e presente. L’acquisto last minute unisce la classe all’umiltà di andare in pressing rientrando a far reparto coi centrocampista. Più che i nuovi l’equilibrio lo danno le posizioni. A destra si sacrifica Kluivert che ha giocato al posto di Zaniolo che poi è entrato bene.

Il rombo offensivo timbra il successo con Pellegrini salito in cattedra. Lunedì scorso Petrachi ha dato forza al 4-2-3-1 di Fonseca che comincia a dare il frutto del suo lavoro estivo. La Roma spopola in attacco dove il portoghese la vuole coraggiosa ed esagera fino all’intervallo: era dal 27 aprile 2008 che non chiudeva il primo tempo avanti di 4 gol (4-1 al Torino). Il pubblico dell’Olimpico si diverte anche ad inizio ripresa e nel finale regala la standing ovation a Pellegrini con Pastore fischiato. Lo scrive Il Messaggero.

21 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa