Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma di Fonseca va a caccia del tris

Dopo i poker rifilati a Sassuolo e Istanbul Basaksehir, i giallorossi sono di scena a Bologna

Dopo i due poker calati contro Sassuolo e Istanbul Basaksehir la Roma va a caccia della terza vittoria consecutiva e lo farà contro il Bologna, reduce da otto successi di fila tra le mura amiche del Dall’Ara, pronto ad ospitare circa 25 mila tifosi, di cui 3 mila giallorossi. La squadra, e Fonseca in primis, sanno che bisogna volare basso senza farsi trascinare dai facili entusiasmi e che la prima vera trasferta stagionale sarà un banco di prova più che importante: “E’ un test eccellente per misurare quali sono le nostre capacità.

Affrontiamo – ha detto l’allenatore portoghese alla vigilia – una squadra molto forte, il Bologna è in alto in classifica ed è imbattuto, ha ottenuto due vittorie e un pareggio. Una squadra molto motivata con giocatori molto buoni, una squadra che riflette il carattere del suo mister. Sarà con certezza una partita molto complessa, ma noi saremo sempre pronti per questo genere di gare“. Il tecnico della Roma continuerà a ruotare i giocatori: “La squadra sta bene fisicamente, è motivata. Conoscendo la qualità dell’avversario e l’ottimo momento che sta attraversando noi non cambieremo quello che è il nostro registro abituale, il nostro modo di pensare, il nostro modo di affrontare le partite. Evidentemente dobbiamo essere pronti ad affrontare questa gara al punto di vista strategico ma i nostri concetti non verranno alterati. Sono una persona positiva e ottimista e cerco di trasmette questo ai calciatori“.

Sull’altra panchina non ci sarà Mihajlovic a cui Fonseca ha mandato un messaggio d’incoraggiamento: “E’ un lottatore, saremo avversari sul campo ma gli auguro di cuore una pronta guarigione, che possa vincere questa battaglia“. Lo scrive Il Tempo.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa