Resta in contatto

Rassegna Stampa

Una montagna di nome Sinisa

I giallorossi di scena a Bologna

Zaniolo non è Totti. Chiaro, nessun giallorosso lo pensa. E neppure Dzeko è Totti. Giovanissimo il primo, maturo il secondo, hanno entrambi il gioco e i colpi diversi dal Capitano. Eppure, insieme, costituiscono in questo momento la fortuna della Roma. Potente, a tratti inarrestabile, Niccolò e non ci vengano a raccontare che giovedì ha incontrato un “pellegrino” turco ma un esperto mestierante come Clichy.

Elegante e onnipresente Edin: da lui abbiamo visto assist a occhi chiusi. Il terzo Moschettiere è Lorenzo Pellegrini: non è Pizarro e neppure De Rossi, ma infila la palla verticale a colpo sicuro e arriva al tiro all’improvviso. Anche i meriti di Fonseca, però, si vedono nel resto della squadra, con un punto interrogativo ancora in difesa. Oggi a Bologna sarà la prima partita in trasferta, doppia trasferta perché giocheranno anche contro  Mihajlovic: i rossoblù sono davanti, anche grazie alla formidabile spinta dell’allenatore malato. Vincere a Bologna è necessario per tornare alti in classifica, ma sarà letteralmente una montagna da scalare. Lo riporta Il Messaggero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa