Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Veretout-Cristante, Fonseca si fida: “In Italia gioco con due mediani”

Contro il Bologna spazio al francese e all’ex Atalanta

Lo definisce “un test eccellente per misurare le nostre capacità“. A dimostrazione che anche per Fonseca, la gara di oggi contro il Bologna, rappresenta un banco di prova. Sassuolo e Basaksehir hanno rappresentato il trampolino di lancio per trovare poi una conferma in questa settimana che prevede tre gare ravvicinate (Bologna, Atalanta e Lecce) che diranno qualcosa in più dei progressi della Roma.

Al Dall’Ara, prima partita lontano dall’Olimpico: “È una squadra in testa alla classifica, imbattuta, motivata, che riflette il carattere del proprio mister, sarà un match complesso, ma noi siamo pronti. In Italia non è facile far registrare grandi differenze di percentuali di possesso palla a causa della qualità degli avversari. Dipende anche dalla qualità della partita. A tutte le squadra piace giocare e hanno chiari principi offensivi“. Magari non proprio oggi pomeriggio, visto che Mihajlovic dovrebbe aver preparato una gara d’attesa.

Per Sinisa, un messaggio speciale: “Ho appreso con tristezza la notizia sul suo stato di salute, lui è un lottatore. Saremo avversari in campo, ma gli auguro di vincere la sua battaglia. Ce la farà. Sono cose che vanno oltre le rivalità in campo“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa