Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stadio, nuovo vertice: resta il nodo opere

Nuova riunione ieri per decidere il futuro dell’impianto. Resta vitale la questione delle opere utili: i lavori devono finire contestualmente

Nuovo incontro ieri tra i privati e il Comune, per la costruzione del nuovo impianto sportivo, futura casa della Roma. Da mesi ormai la Sindaca Virginia Raggi ha schiacciato sul freno, sia per l’inchiesta che ha travolto il gruppo del costruttore Luca Parnasi, sia per il braccio di ferro con i proponenti, che adesso vorrebbero cambiare alcune clausole pattuite nel 2017 con la delibera sulla pubblica utilità dell’operazione.

Proprio di questo si è ridiscusso ieri, dopo circa un mese di pausa, in una riunione con i dirigenti del Campidoglio e quelli dell’AS Roma – c’era il vicepresidente esecutivo, Mauro Baldissoni – e i rappresentanti della Eurnova, la società di Parnasi. Lo scontro ruota attorno a una parola: “Contestualità”. Il Comune vuole che le opere pubbliche siano tutte pronte per l’apertura dello stadio. Insomma, se la ferrovia Roma-Lido non viaggia a 16 treni l’ora come scritto nella delibera, se l’Ostiense-Via del Mare non è unificata a dovere, se gli altri interventi non sono completati, non si può procedere col primo match. Lo riporta Il Messaggero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa