Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ma Di Biagio: “Ok, la strada è giusta”

Le parole dell’CT dell’Under 21

Nel giorno delle prime accuse a Fonseca arriva la difesa di Di Biagio che invita alla calma: “La Roma sta facendo un percorso giusto, una partita non può modificare il giudizio. Il cambio modulo? Ho la sensazione che Fonseca lo avesse preparato al decimo del primo tempo per togliere i punti di riferimento all’avversario. Ci sono allenatori che iniziano con un modulo diverso per qualche minuto per sorprendere l’avversario per poi tornare dopo 10-15 minuti al modulo classico. Non è un azzardo anche se è andata male“.

Spazio anche per i pupilli Pellegrini e Zaniolo: “Lorenzo è il centrocampista italiano più forte in assoluto. Secondo me a Roma siamo troppo severi nei giudizi con lui, è davvero forte questo ragazzo. Se un giorno, speriamo mai, dovesse andar via, ci renderemo conto di che giocatore è e di cosa ha perso la Roma. Su Zaniolo va fatto un discorso a parte perché secondo me non sta giocando nel suo ruolo ideale. Per me è un classico trequartista o mezzala, fatica a fare il quarto, però capisco Fonseca che volendo mettere tutti i giocatori più forti in campo lo adatta a destra. Detto ciò lo sto vedendo bene, sta tornando allo stato di forma che aveva un anno fa. Mi piace il fatto che i giovani giocano nella Roma“. Lo scrive Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa