Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Focus

Una Roma non brillante torna alla vittoria grazie a Dzeko. I numeri di ASRoma Data della gara di Lecce (TWEET)

Una Roma spenta nel primo tempo e più attiva nel secondo torna alla vittoria grazie al gol del solito Edin Dzeko. Peccato per il rigore sbagliato da Kolarov

La Roma torna sulla via dei tre punti, grazie alla vittoria di misura arrivata sul campo del Via Del Mare di Lecce. Gli uomini di Fonseca, nonostante una prestazione non brillantissima, ottengono tre punti fondamentali per la lotta al quarto posto. Riviviamo insieme alcune statistiche del match, grazie all’aiuto del profilo Twitter ASRoma Data.

Abbiamo parlato di una Roma non bellissima, e a ben vedere, sopratutto nel primo tempo: i dati dimostrano chiaramente come la squadra, costretta a giocare sotto un clima estivo, abbia faticato e non poco sopratutto nella prima metà di gioco. Nonostante un possesso palla nettamente maggiore (68% della Roma contro 32% del Lecce), i padroni di casa sono riusciti a rendersi più pericolosi dei capitolini nei primi 45 minuti di gioco, tirando 10 volte verso la porta avversaria.


Inoltre Edin Dzeko, colui che sbloccherà il match nella seconda metà di gioco, non è riuscito nemmeno una volta a concludere un tiro in porta.


Nel secondo tempo, complice anche il minor caldo, la situazione è cambiata: i tiri effettuati sono diventati 12, di cui 5 nello specchio, mentre il Lecce ha trovato spazio per le conclusioni solo 3 volte. Nonostante il dato sul possesso palla vistosamente calato (si è passati da un 68% nel primo tempo ad un 49% nel secondo), il dato sugli Expected Goals è salito da 0.7% a 2.48.


Altro dato importante in termini di solidità è quello riguardante la porta difesa da Pau Lopez: per la prima volta in campionato la Roma non subisce neanche un gol, rimanendo con la porta inviolata (unico precedente di stagione, in Europa League contro l’Instanbul Basaksehir).

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus