Resta in contatto

Rassegna Stampa

La retromarcia di Petrachi, c’è rabbia in casa Roma

Le parole del ds al termine della gara contro il Cagliari hanno fatto infuriare non solo l’ambiente del calcio femminile, ma anche il presidente Pallotta

Le parole di Gianluca Petrachi dopo Roma-Cagliari, hanno alzato un polverone mediatico non indifferente. Il ds giallorosso, che aveva esplicitato come il calcio fosse uno sport maschio e non da signorine, è dovuto correre ai ripari per evitare un caso mediatico, viste anche le affermazioni di personaggi illustri come Sara Gama (capitano della Nazionale Femminile) e Milena Bartolini (CT delle azzurre): “La frase che il calcio ‘non è uno sport per signorine’ è del 1909 e l’ha pronunciata Guido Ara. Sono passati 110 anni e credo che dovremmo andare avanti. È un modo di pensare un po’ primitivo. Nel frattempo, la società si è evoluta”. Dure anche le parole del Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora: “Nello sport tutti devono avere cittadinanza, per tutto e tutte ci deve essere grande rispetto. Quelle dichiarazioni non sono coerenti con tutto questo è anzi manifestano un’arretratezza culturale di cui non sentivamo bisogno”.

Lo stesso Pallotta ha trattenuto a stento la rabbia, visti i tanti sforzi del presidente giallorosso nel dare la giusta visibilità anche al calcio femminile. D’ora in poi, per quanto possibile, la Roma farà intervenire il dirigente solo nei pre partita, evitando quindi che la troppa rabbia possa portare ad altre esternazioni pericolose. Lo riporta gazzetta.it.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

E SAREBBE PURE ORA O NO.?❤

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

ma figurati, ad ogni post di qualsiasi genere di qualsiasi pagina c’è gente che critica, che fa la morale agli altri, figuriamoci nel mondo del pallone. NON DOVEVA FARE NESSUNA RETROMARCIA, le sue parole per una volta erano le nostre, sono oggettive, poi oh se qualcuno si offende nel dire che il calcio è un gioco maschio..oh m’arrendo. Allora maschio è usato come aggettivo per dire che è un gioco duro, NO che non può essere giocato dalle donne!!! capito?? ok???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 mesi fa

Ma che rottura di palle non si puo’ piu’parlare che si offendono tutti. scusate ma stiamo sotto DITTATURA?

Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il mio primo vero amore... un sogno vederlo sulla panchina della Roma come allenatore"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido la mia offerta di prestito. Offro di 5000 ha 200 000 000 € un interessato del 3% per anno e-mail:..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Grande Barone! Iniziai allora a tifare la Roma, per la sua zona totale e quel genio di Falcao!"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Rassegna Stampa