Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cappa (ex allenatore Pastore): “Javier è un giocatore di talento. Deve essere lasciato libero di sbagliare”

L’ex tecnico dell’Huracan, che ha avuto il centrocampista nella sua rosa nella stagione 2008-09: “Ero sicuro che il suo talento non si era perso”

Intervistato dalla redazione di Teleradiostereo, Angel Cappa, allenatore di Javier Pastore ai tempi dell’Huracan, ha parlato così del suo ex giocatore:

Mister, nella prima stagione alla Roma, Pastore ha fatto molta fatica, mentre ora con Fonseca sta inanellando ottime prestazioni. Lei che lo conosce bene, si aspettava che Javier potesse tornare sui suoi livelli?
Pastore è un giocatore di talento. Diciamo in altri termini che è un creativo e che ha bisogno della fiducia dell’allenatore per sentirsi importante. Un elemento delle qualità di Javier deve essere lasciato libero di tentare la giocata, di sbagliare, altrimenti diventa un giocatore qualsiasi. Ovviamente ho sempre sperato che tornasse ad esprimersi sui suoi livelli, perché ero sicuro che il suo talento non poteva essersi perso.

Ma è davvero cosi fondamentale per Pastore sentire la fiducia di Fonseca?
L’ho detto in precedenza e lo ripeto. Con la fiducia del suo allenatore, Javier si sente più sicuro e così non scende in campo con la paura di sbagliare. Se si sente coccolato, Pastore è uno dei giocatori più talentuosi che possiamo vedere nel calcio di oggi.

Quale altro consiglio potrebbe dare a Fonseca nella gestione di Pastore?
Non sono nessuno per dare consigli a qualcuno. Oltre ad avere tanto talento, Javier ha una tecnica squisita ed intelligente, ma deve essere messo nelle condizioni di giocare liberamente, altrimenti potrebbe rendere molto meno nel caso in cui avesse rigidi compiti tattici da svolgere.

Pastore ha detto di voler chiudere la carriera al Talleres: crede che il suo ritorno in Argentina possa avvenire presto?
No, non credo, anzi penso che abbia ancora tanti anni di calcio europeo davanti a sé. Certo, se vuole tornare in Argentina, spero possa tornare all’Huracan…

Per concludere, vuole inviare un messaggio a Pastore?
Solo mandargli un abbraccio con tutto l’affetto che lui sa che ho per lui. E ci tengo a dare un bacio alla sua splendida famiglia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News