Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

L’Identikit, Jack Rodwell: esperienza e solidità per coprire il buco lasciato dagli infortuni

Il 28enne inglese è molto vicino alla Roma. Si trova a Trigoria per svolgere un provino

I lunghi infortuni di Pellegrini, Diawara e Cristante hanno lasciato il centrocampo con solo Veretout a disposizione. Per ovviare all’emergenza, Fonseca in Europa League ha avanzato Mancini sulla mediana. Una soluzione che sicuramente è stata presa in considerazione nel breve periodo. Nel lungo, la Roma ha deciso di attingere dalla lista degli svincolati. Il nome scelto è quello di Jack Rodwell, senza contratto dopo l’esperienza al Blackburn Rovers nella Championship inglese.

Carriera

Nato l’11 marzo 1991 (lo stesso giorno di Alessandro Florenzi), Rodwell ha iniziato nelle giovanili dell’Everton, esordendo in prima squadra con i Toffees, in Premier League, nel marzo 2008, a 17 anni. A 16 anni e 284 giorni è diventato, nel 2007, il più giovane esordiente dell’Everton in una coppa europea (contro l’AZ Alkmaar). Nella prima presenza europea dal 1′ ha segnato due reti nella vittoria per 4-0 contro il Sigma Olomuc con due tiri dalla distanza. Il primo gol in Premier League risale invece al 3-1 contro il Manchester United, il 20 febbraio 2010, a nemmeno 19 anni.
Le sue prestazioni attirano, nell’estate 2012, l’interesse del Manchester City di Roberto Mancini che lo acquista per 15 milioni di euro. Nelle due stagioni a Citizens, nelle quali gioca con Dzeko e Kolarov, viene poco impiegato. Colleziona 16 presenze in totale (tra Mancini e Pellegrini), ma si toglie la soddisfazione di vincere la Premier League e la Coppa di Lega.
Deciso a rimettersi in gioco, nell’estate 2014 passa al Sunderland per 12,6 milioni di euro. Con la maglia dei Black Cats colleziona 65 presenze e segna 4 reti, rimanendovi fino all’agosto del 2018, quando, con il Sunderland retrocesso clamorosamente in League One, rompe con la società che voleva svincolarlo a causa del suo stipendio elevato.
Firma così con il Blackburn Rovers, in Championship. Nella seconda serie inglese gioca 21 partite con una rete all’attivo. Le sue prestazioni non convincono il club che a fine stagione non gli rinnova il contratto.

Caratteristiche tecniche

Rodwell è un centrocampista che fa dell’attitudine difensiva la sua miglior qualità. E’ dotato di un’ottima stazza (188 cm) che lo rendono particolarmente efficace nei duelli aerei e negli scontri fisici. Non molto presente in zona gol, Rodwell è comunque dotato di un buon tiro dalla distanza e di una discreta visione di gioco, capace di smistare palloni e giocare palla a terra, nonostante qualche imprecisione di troppo in fase di possesso palla.
Nell’ultima stagione, giocata appunto nella seconda serie inglese, Rodwell ha fatto registrare 2,1 tackles tentati ogni 90 minuti, con 1,5 vinti. Inoltre, il centrocampista inglese ha intercettato, sempre nello stesso arco di tempo, 0,9 palloni. Ogni 90 minuti, Rodwell ha tentato 0,7 tiri, di cui 0,3 da fuori area. Sono invece 4,4 i duelli aerei tentati: 2,5 vinti e 1,9 persi di media ogni 90 minuti.
Perde un po’ in fase di possesso: 36,7 passaggi tentati ogni 90 minuti: 2,4 passaggi lunghi riusciti, mentre quelli non riusciti sono 4,9. Discorso diverso per i passaggi corti, con 24,6 riusciti ogni 90′ e 4,8 non riusciti. Male anche nei passaggi chiave, con 0,2 ogni 90 minuti.

Infortuni

Jack Rodwell ha subito diversi infortuni in carriera: i più gravi sicuramente sono quello all’articolazione della caviglia (che l’ha tenuto fermo 88 giorni, dal 9 settembre al 6 dicembre 2010), e i due alla coscia (il primo l’ha tenuto fuori per 98 giorni, dall’11 ottobre 2012 al 17 gennaio 2013, il secondo 58 giorni, dal 3 novembre al 31 dicembre 2016). Sono comunque quasi tre anni che il 28enne inglese non subisce stop.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti