Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma domina con il Borussia, ma si fa superare ancora al 95’

Ha parlato il tecnico giallorosso dopo il 95′

Contro un Borussia più che fortunato, e di nuovo aiutato, la Roma si ferma all’ultimo secondo quando tutto sembrava ormai scritto mettendo a repentaglio una qualificazione che sembrava certa prima dell’errore di Collum all’andata. La squadra di Fonseca ha pagato dazio di nuovo agli arbitraggi visto che l’autogol di Fazio nasce da una palla palesemente uscita in rimessa laterale.

Ha pagato dazio anche alla stanchezza accumulata nell’ultimo mese e un errore di posizionamento difensivo che pesa come un macigno al 95′. Di 6 punti meritati la Roma ne porta a casa uno. Nel primo tempo giallorossi pericolosi solo grazie a Pastore mentre nella ripresa è stata tutt’altra musica grazie anche all’ingresso di Diawara. Prima il gol del pareggio di Fazio e poi le occasioni sprecate malamente da Dzeko e Kluivert.

Ora la Roma, per non rischiare, deve vincere le ultime due con il Basaksehir e Wolfsberger. I turchi si ritovano clamorosamente in testa al girone. Fonseca: “Provo una forte delusione, non meritavamo di perdere. Anche la stanchezza ci ha giocato contro, ma è inutile trovare scuse. Bisogna vincere a Istanbul“. Lo scrive Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa