Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Arrivano i nostri. Ecco Pellegrini e Mkhitaryan

Fonseca recupera i due calciatori fermi dal 29 settembre

La pioggia cade incessante su Roma da giorni e lo farà anche nelle ore a venire, ma dalle parti di via di Trigoria è spuntato un timido raggio di sole. Ad un mese e mezzo di distanza dalla trasferta di Lecce, Fonseca ha ritrovato in gruppo Pellegrini e Mkhitaryan. Sia il centrocampista romano che il fantasista armeno erano stati costretti a lasciare il campo per infortunio nella sfida con gli uomini di Liverani e da allora non sono più stati a disposizione. Con il loro ritorno Fonseca ritrova due armi tattiche fondamentali per la manovra offensiva. Nelle prime sette partite stagionali in cui almeno uno tra Pellegrini e Mkhitaryan è stato impiegato, sono stati quindici i gol siglati dalla Roma.

Nelle successive nove, senza due tra i giocatori di maggior qualità dell’intera rosa, i giallorossi hanno trovato la via del gol soltanto dodici volte. La loro assenza ha pesato principalmente sui rifornimenti alla punta centrale e ai due esterni d’attacco: la Roma ha dovuto fare a meno del secondo giocatore per media di passaggi chiave a partita (Pellegrini) e ha perso un totale di cinque (4+1) degli undici assist totali realizzati fin qui in Serie A. A pagare principalmente la lontananza di Pellegrini e Mkhitaryan, nonostante un più che buon rendimento di Pastore da trequartista, è stato Dzeko. Il bosniaco, dopo il Lecce, ha bucato soltanto una volta un portiere avversario (Donnarumma): in campionato nelle prime sei gare il centravanti ha trasformato in gol il 98% delle occasioni avute, nelle ultime sei l’indice si è ridotto drasticamente al 57%. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa