Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Come si qualifica la Roma: tutte le combinazioni

La vittoria di oggi porta i giallorossi al secondo posto nel girone, mentre il Wolfsberger è già matematicamente eliminato

La Roma vince contro il’Istanbul Basaksehir e si rimette in corsa per il primo posto nel girone J.
Con i turchi a quota 7 punti, la situazione del girone rimane ancora apertissima mentre il Wolfsberger – rimasto a 4 – è matematicamente eliminato. Proprio gli austriaci saranno i prossimi avversari della Roma all’Olimpico nell’ultima giornata giovedì 12 dicembre, mentre nell’altro match il Borussia ospiterà la squadra di Buruk.
Per accedere ai sedicesimi di finale di Europa League, alla Roma basterà fare lo stesso risultato del Basaksehir.

LA ROMA PERDE – Gli uomini di Fonseca potrebbero anche perdere, a patto che i turchi non vadano oltre il pareggio in Germania: anche in caso di arrivo a pari punti, infatti, i giallorossi sarebbero decisamente avanti nello scontro diretto, avendo ottenuto due vittorie.

LA ROMA PAREGGIA – Se Roma-Wolfsberger dovesse terminare in pareggio, i giallorossi sarebbero qualificati – anche se da secondi – a prescindere dal risultato del ‘Borussia Park’.

LA ROMA VINCE – Neanche a dirlo, passaggio del turno automatico in caso di vittoria contro il Wolfsberger: in quel caso bisognerà solo stabilire se da prima o seconda del girone. Per il primato servirebbe una mancata vittoria da parte del Moenchengladbach.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti