Resta in contatto

Rassegna Stampa

Fonseca è in riserva

Le riserve in attacco al momento non rendono come sperato

Tutto perfetto. Anzi, quasi perfetto. Fonseca, dietro quell’aspetto gentile, nasconde un briciolo di preoccupazione e rabbia. La partita di San Siro è lo specchio di una situazione che dovrà per forza cambiare e naturalmente ci vuole tempo. L’allenatore portoghese ha trovato gli uomini base. Ottimo Zaniolo, così come Kluivert e Dzeko. Il problema è sempre chi c’è dietro. Nomi illustri, come nel caso della Roma. E questo tranquillizza, ma non basta. Venerdì contro l’Inter Fonseca ha capito che per fare un ulteriore salto in avanti servono i veri Perotti, Mkhitaryan e Under, per non parlare poi di Kalinic.

Nessuno di loro, per motivi diversi, è nel giro dei titolari e al momento non sono riserve affidabilissime, perché tutti indietro nella condizione fisica, visti gli infortuni che hanno subito. Mkhitaryan ha totalizzato solo sette presenze, per un totale di 528 minuti. L’armeno è in prestito dall’Arsenal, è chiaro che per essere trattenuto, dovrà metterci del suo. La partita di giovedì in coppa contro il Wolfsberger sarà un’occasione per mettere minuti, e il discorso vale per i suoi colleghi di panchina, come ad esempio Perotti, che fino a ora ha giocato anche meno, cioè solo 269 minuti spalmati su nove presenze. Il rendimento ad oggi è ancora ai limiti della sufficienza. Non riesce a trovare la continuità, pure stoppato dalle convincenti prestazioni di Kluivert.

Se Mkhitaryan è in prestito e Perotti è uno di cui la Roma ha provato a liberarsi, quello che va recuperato quanto prima è Under. Che di anni ne ha solo ventidue e, per come era partito, oggi già potevamo pensarlo in giro a respirare profumo di top club. Under in questo momento non è un titolare ed è difficile pure convincersi che sia la prima alternativa a Zaniolo. Fonseca non è stato tenero con lui, vuole che si sacrifichi in fase di non possesso. La crescita di questo ragazzo così promettente si è fermata, certo per colpa degli infortuni, dai quali non è mai riuscito a tirarsi fuori definitivamente. Il 2019 che sta per finire è totalmente da buttare: solo 15 presenze in campionato e 2 in Europa League. Un solo gol contro il Genoa. Minuti giocati fino a oggi 309. La Roma segna poco in tutti i suoi attaccanti che, da ora in poi, dovranno almeno essere un po’ più presenti e vivi, non come è accaduto fino a ora. Lo scrive Il Messaggero.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa