Resta in contatto

Rassegna Stampa

Nicchi: “La VAR ha portato giustizia nel calcio”

Le parole del presidente dell’AIA

Marcello Nicchi, presidente dell’AIA, ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero:

La VAR è ormai un patrimonio del calcio e del mondo arbitrale, italiano e non solo.
“La Var ha portato giustizia nel calcio, aiuta gli arbitri a sbagliare meno, non a raggiungere la perfezione perché è impossibile. E se su 100 decisioni, se ne sbagliano soltanto due, nessuno può dire che non funzioni”.

È stato il numero uno dell’Uefa, Ceferin, a criticarla fortemente.
“La risposta giusta a quelle parole l’ha data il presidente federale, quando dice che se tutto il mondo chiede di implementare i campionati con la tecnologia, non volerla è come darsi la zappa sui piedi”.

A Cosenza, nel Boxing Day di serie B ce ne sarebbe stato bisogno per convalidare un gol regolare all’Empoli
“Già, se ci fosse stata la goal line technology non ci sarebbe stato quell’errore clamoroso. A capire perché sia accaduto ci penserà ora il designatore. Da parte nostra non c’è altro da fare che chiedere scusa per l’episodio”.

È la conferma che anche in B la VAR è diventata indispensabile.
“E noi siamo pronti, basta che la Lega di Serie B ci dica su quali campi dare il via alla sperimentazione off line a partire dal girone di ritorno. Ci sono già quattro, cinque direttori di gara della Can B che si stanno preparando come Avar”».

E la VAR Room, invece, quando sarà pronta?
“Con il presidente federale confidiamo di dare il via alla fase sperimentale prima della fine del campionato, così da essere pronti al via della nuova stagione. A Coverciano si lavora intensamente per questo”.

Come funzionerà?
“Ci saranno dieci postazioni, più due di riserva, proprio in previsione dell’introduzione del VAR in serie B. Ogni fine settimana lavoreranno, in questa VAR Room, circa settanta persone, tra arbitri, tecnici e dirigenti”.

Crescerà anche la squadra dei varisti?
“Certamente. Siamo partiti con Mazzoleni, Banti, Di Paolo e Nasca ma a fine stagione contiamo di allargare il numero di specialisti, arrivando nel giro di un paio di anni a 10 arbitri specializzati”.

Tra questi potrebbe esserci Rocchi, che a fine stagione smetterà?
“Saranno il Comitato Nazionale e le commissioni tecniche a dirci quale può essere il ruolo di chi termina la carriera in campo. Non è detto che tutti diventino varisti, qualcuno sarà anche dirigente per un naturale ricambio negli organici”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa