Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Quando 31 tiri in porta non bastano

La Roma non è riuscita a capitalizzare contro il Torino

È stata una partita stregata, ma con una Roma capace comunque di fare 31 tiri in porta, dai quali potevano uscire due o tre gol: queste le chiavi interpretative fornite da Paulo Fonseca domenica sera, dopo la sconfitta con il Torino. La spinta dei giallorossi in effetti c’è stata, ma solo sette conclusioni sono finite nello specchio della porta.

PellegriniZanioloFlorenzi hanno funzionato peggio delle ultime uscite e anche per questo le cose migliori nella seconda frazione di gara sono venuti dalle fiammate di Perotti, sorprendentemente sostituito a 15 minuti dalla fine. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa