Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ma quale 1900! La Lazio è nata dopo

Il compleanno dei “cugini”, il 9 gennaio del 1900 non indica la nascita della squadra in sé, quanto della Società Podistica, che non aveva il calcio tra i suoi sport

Nella giornata di ieri la Lazio ha festeggiato i suoi 120 anni. Striscioni, cori, e fumogeni hanno salutato l’evento a Roma, ma la società biancoceleste, quella calcistica, non c’entra assolutamente nulla. Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Tempo infatti, quella data, storica e riconosciuta, coincide con la fondazione della Polisportiva Lazio, società podistica che nulla aveva a che fare con il calcio. E’ indubbio che in quella data, al Pippanera, avvenne la fondazione della società, che però non annoverava il calcio tra gli sports praticati all’epoca. Tanto che sulle colonne del Messaggero del giorno dopo si poteva leggere: “Ieri, per opera di alcuni volenterosi giovani è stata fondata una società di sport pedestre (sic) denominata Lazio. Essa, a somiglianza delle consorelle Milano, Torino, Genova, si ripromette un’attiva propaganda in favore di questo sport tanto utile a tutti in specie poi alla gioventù. Saranno in essa bandite giornate di corsa e di marcia, gita di allenamento ed infine si avrà in Roma una sezione dell’Audax podistico italiano che ha sede in Milano. Il numero di soci è di garanzia che questo sport avrà lo sviluppo che merita. Intanto la sede provvisoria della società è in via degli Osti n. 15, primo piano, dove si dovranno rivolgere tutti coloro che desiderano informazioni”.

Insomma una società podistica a tutti gli effetti. E il calcio? Del tanto amato sport non v’è traccia almeno fino al 1910 (quindi 10 anni dopo la fondazione della società), anno in cui la Lazio istituì una vera e propria sezione calcistica. Secondo gli storici biancocelesti in realtà ciò non corrisponde al vero, in quanto in un impreciso giorno di gennaio del 1901 (e quindi sempre un anno dopo la “nascita” della Lazio) tale Bruno Seghettini si sarebbe presentato nella sede della Podistica pedestre Lazio portando con sé un pallone di football. Bruno Seghettini era un socio del Racing Club Paris, una società della capitale francese i cui iscritti praticano anche il calcio, e volle far conoscere ai soci biancocelesti il nuovo gioco che andava diffondendosi in Europa e che i 9 fondatori della Podistica evidentemente non conoscevano. Di tutto ciò non v’è traccia alcuna, ne documenti che possano confermare l’accaduto. Inoltre, stando agli storici della Lazio, il motivo per cui la società calcistica Lazio compare solo nel 1910 sarebbe dovuto alla nascita della FIGC: “Nel 1910 infatti, l’Antica Federazione Italiana del Football, si riorganizzò cambiando la denominazione in FIGC, chiedendo, per l’affiliazione ufficiale, di creare una sezione preposta ai clubs che non l’avessero ancora regolarizzata, pur avendola. La Lazio era uno di quei club che non l’aveva e a quel punto l’istituì per l’affiliazione alla Federazione”. Anche di questo fatto, purtroppo, non esiste documentazione ufficiale. Insomma anche la Lazio in quanto a data di nascita ha le idee un po’ confuse; per carità a Roma si discute se il club giallorosso sia nato il 7 giugno (giorno della riunione definitiva) o il 22 luglio (data del primo ordine del giorno della società), ma sempre nell’estate del 1927 siamo. Per i “cugini” c’è da fare ordine in 10 anni, cosa non semplice.

141 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

141 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa