Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Francesca Costa: “Totti ha mandato un messaggio a Nicolò. Si è infortunato da solo”

Le parole della madre del numero 22

Francesca Costa, mamma di Nicolò Zaniolo, ha parlato a “Un giorno da pecora” sulle frequenze di Radio Uno.

Come sta Zaniolo?
“Lui è tranquillo, ora attende l’operazione, alle 16 verrà operato”.

Lei dov’è?
“Sono a Villa Stuart con lui”.

Il menisco come sta?
“Sì è rotto anche il menisco”.

Lei ha capito cosa è successo?
“Già quando era in movimento ha sentito questo ‘crac’, poi lo scontro non ha influito. Si è fatto male correndo, con il cambio di direzione”.

Lei si è spaventata?
“Sì, perché lui non fa scena. Ho capito che non stesse fingendo un dolore”.

Quando lo ha visto cosa le ha detto?
“Niente, stava piangendo, l’ho visto a Villa Stuart”.

Vi hanno detto qualcosa? Lo vedremo agli Europei?
“Dipende da lui: come reagisce all’infortunio”.

Ci sono stati molto attestati di vicinanza…
“Sì, Florenzi lo ha tranquillizzato. Gli ha fatto un sacco di domande e lo ha rassicurato. Tanta gente gli è stata vicina, con messaggi e chiamate. Totti gli ha mandato un messaggio stamattina. Non so chi ha chiamato, ogni tanto mi dice ‘mamma ho sentito…’, non so come. Balotelli gli ha mandato un messaggio vocale. In tanti su Instagram gli hanno scritto: Dybala, Modric, Bonucci, Bernardeschi”.

Lei lo tratta come un bambino di 10 anni, ho visto cuoricini sui social…
“Siamo due deficienti, sì (ride, ndr). Ieri era sul divano e rispondeva i messaggi”.

C’era anche la ragazza?
“Ieri è venuta qui e sta ancora a casa nostra. Poi c’è mio marito e la sorella di Nicolò”.

Quanto dura l’operazione?
“40 minuti circa. Ha paura dell’anestesia. Chiede a tutti cosa comporti l’anestesia. Lui oggi è più tranquillo, l’ha presa con la sua filosofia”.

Totti si infortunò a febbraio, poi andò ai Mondiali. Spera lo stesso per Nicolò?
“Speriamo. Forza Roma”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News