Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mancini: “Avevamo provato la difesa a 3 in settimana. Pensiamo partita per partita”

Il difensore giallorosso: “Nelle prossime gare ci giochiamo tantissimo, ma pensiamo prima al Genoa, poi sarà il momento delle altre gare”

MANCINI ALLA RAI

Una buona idea questa della difesa a 3
L’avevamo provata in pochi giorni ed è andata bene

Nessuno sapeva nulla…
Quando si provano questi schemi è importante non far trapelare nulla.

Ora Genoa, poi Juve e Lazio…
Ci giochiamo tanto, sono partite importanti. Domenica sarà importante, pensiamo partita per partita. I mesi della seconda parte di stagione contano tanto.

MANCINI A ROMA TV

MANCINI A ROMA TV

Porta inviolata con un nuovo assetto…
Non abbiamo iniziato bene il 2020 ma noi eravamo tranquilli, anche le sconfitte vanno analizzate bene. Abbiamo fatto cose giuste ma ci è mancato il gol. Stasera è andata bene con Bryan.

Cosa vi aveva chiesto il mister?
E’ uno molto diretto, le sconfitte vanno analizzate, c’era e c’è grande dispiacere. Domenica c’è una partita importante. Il mister ha detto di continuare con impegno e che il gol sarebbe arrivato.

Il risultato dipende da voi…
E’ vero, se andiamo ad analizzare le partite perse o pareggiate è così. E’ uno step che dobbiamo fare per competere nelle top posizioni. In questi mesi però abbiamo raccolto tanto con un allenatore ottimo. Le sconfitte vanno analizzate, ci deve essere un certo spirito per migliorare.

Cristante centrale è stato provato in settimana? Che cosa temeva Fonseca?
Il mister e lo staff analizzano gli avversari, la avevamo provata. Il Parma è forte nelle ripartenze, io e Chris eravamo aggressivi e Bryan copriva la profondità. Poi in fase di possesso si alzava a centrocampo. L’importante è che abbiamo espresso i concetti al meglio e che abbiamo vinto, ci teniamo molto a questa competizione.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra