Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca suona l’allarme

Una Roma ai minimi termini vola in Liguria per affrontare il Genoa

«La Roma non ha mai pianto e mai piangerà, perché piange il debole; i forti non piangono mai». E mai così attuale è la frase del presidente Dino Viola, nel giorno del 29° anniversario della sua scomparsa (19 gennaio 1991) che coincide con la partita delicata di Marassi contro il Genoa terzultimo (ore 18). Il momento è orribile, guardando gli assenti. E i risultati, anche se giovedì a Parma è stata conquistata la promozione ai quarti di Coppa Italia. In campionato l’anno è cominciato con la doppia sconfitta casalinga contro il Torino e la Juve, frenata che ha riportato i giallorossi fuori dalla zona Champions: 5° posto, pure se con gli stessi punti dell’Atalanta, avanti per la differenza reti (e per lo scontro diretto).

E domenica scorsa è uscito di scena Zaniolo, il miglior talento della rosa, allungando la serie già infinita degli infortuni stagionali. E, come se non bastasse, è saltato lo scambio con l’Inter per avere subito il sostituto del ventenne: Politano è rimasto in nerazzurro perché Marotta ha cambiato l’accordo in corsa. Fonseca, pur evitando di alzare le mani in segno di resa, rivela però alla platea il suo stato d’animo: «Sono preoccupato, devo essere onesto». Lo dice contando gli interpreti rimasti a disposizione: sono 18, con 3 portieri (con il primavera Cardinali). Lo riporta “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa