Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, che brutto antipasto di derby

Brutto ko dei giallorossi a Torino. E domenica arriva la Lazio

La Roma scompare ancora una volta allo Stadium: 10 ko su 10 visite in 8 anni, 24 gol incassati e 4 realizzati. In campionato si è arresa in 10 minuti, in Coppa Italia prende tre reti prima dell’intervallo come accadde anche 8 anni fa con Luis Enrique e Zeman. I giallorossi in questa trasferta hanno mostrato limiti tattici e tecnici. Fonseca prova a ritoccare la formazione iniziale, intervenendo con 4 novità rispetto a quella che è scesa in campo contro il Genoa. Si cerca la freschezza coi ritorni di Florenzi, Kolarov, Cristantee Kalinic, senza però trovarla. Il 4-2-3-1 va in frantumi dopo 20 minuti. Fonseca chiede il pressing a Kalinic che non si accende. Kluivert vede il vantaggio con un tocco in acrobazia che finisce alto.

Florenzi offre poi la ripartenza alla Juventus e Ronaldo mette dentro il 19esimo gol stagionale. L’improvviso blackout della linea difensiva indirizza il match. Cristante cammina, lascia la palla a Pjanic e si perde Bentancur che raddoppia. A fine recupero il tris di Bonucci. Nella ripresa entra Santon per Kluivert con Florenzi che va a giocare alto. Kalinic spreca la chance migliore colpendo il palo con Buffon fuori causa. Higuain di testa prende l’incrocio, ma la Juve ha staccato la spina e Under mette dentro dopo una traversa e complice la schiena di Buffon. Lo riporta “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa