Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

CoRomavirus

Altri undici casi di Coronavirus a Roma: tutti con la maglia giallorossa

È l’unica spiegazione plausibile per la vergogna vista ieri sera al Mapei Stadium dove una Roma inguardabile è stata umiliata dal Sassuolo. Una squadra smarrita di nuovo come se quanto di buono visto al derby dominato con la Lazio non fosse esistito. Fonseca sembrava aver trovato la quadra, fatto le scelte giuste, culminate nella cessione di Florenzi, stabilito priorità (Kolarov altro sacrificato) e invece si ritrova di nuovo in alto mare.

Tutto da rifare, a partire dalla difesa che incassa in una partita sola quattro gol in trasferta (finora lontano da casa ne aveva presi solo 7). Il bilancio alla fine però è disastroso non tanto per il risultato, quanto più per il modo nel quale è arrivato: quello deve par pensare per il futuro, perché questa squadra così non andrà da nessuna parte. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa