Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko: “Era importante vincere, queste due partite ci danno fiducia”

Le parole del bosniaco

Edin Dzeko, attaccante della Roma, ha parlato a Sky Sport dopo la vittoria sul Lecce:

E’ stata la partita perfetta?
“Abbiamo fatto 4 gol, non ne abbiamo presi. Nelle ultime due partite abbiamo fatto bene, così per le prossime abbiamo più fiducia”.

Impatto forte nella partita. Siete scesi con lo spirito giusto.
“La vittoria col Gent ci ha dato più forza perché non vincevamo da tanto tempo, ci mancava la vittoria in Serie A. Siamo stati in campo dal primo all’ultimo minuto, abbiamo dato tutto”.

Era difficile giocare così?
“Due mesi sono troppi, ma a me non piace parlare di cosa è successo. Guardiamo avanti e alla prossima partita in Europa League, queste due partite ci hanno dato fiducia per le prossime”.

Col Gent sarà una gara a eliminazione diretta. Si vedrà la vera Roma anche lì?
“Speriamo di sì. In casa abbiamo vinto 1-0, non prendere gol è sempre importante in Europa. Andiamo lì a dare tutto e a provare a vincere. Vogliamo passare il turno”.

Dzeko a Roma TV

Grande prestazione della squadra.
“Sì, abbiamo giocato bene, siamo usciti dal campo convinti che dopo tanto tempo dovevamo vincere in Serie A, abbiamo fatto una buona gara con buone occasioni ma sopratutto siamo tornati alla vittoria”.

Sei in un buono stato di forma.
“Mi sento bene, dico la verità giovedì contro il Gent mi sentivo un po’ stanco, oggi mi sentivo meglio. Come ho detto oggi era importante vincere e queste due vittorie ci danno fiducia nelle prossime gare”.

Oggi sei stato nel vivo della manovra.
“Mi piace giocare per i ragazzi e dare l’ultimo passaggio. Oggi era importante vincere, siamo contenti, testa alta”.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra