Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Edicola

L’Edicola, i giallorossi sorteggiati con Monchi. Friedkin, ecco la firma

Tutta la rassegna stampa in un click

IL CORRIERE DELLO SPORTAltre due sfide italo-spagnole. Dopo Atalanta-Valencia degli ottavi di Champions infatti, Roma e Inter hanno pescato rispettivamente Siviglia e Getafe agli ottavi di Europa League. Il coefficente di difficoltà delle due gare è simile, non a caso le due squadre nella Liga sono separate da appena un punto.

Nessun imprevisto, probabilmente la causa è la presentazione agli investitori lunedì della semestrale del 31 dicembre scorso. La valutazione complessiva della Roma si aggirà sui 720 milioni e i Friedkin non si faranno vedere nella Capitale finchè l’operazione non sarà conclusa.

Non senza sorprese, infatti in avanti Kean è in corsa insieme a Orsolini, nonostante il primo sia reduce da una stagione non memorabile (1 gol in 24 presenze in Premier). La lista completa è composta da 3 portieri, 8 difensori, 6 centrocampisti e altrettanti attaccanti.

LA GAZZETTA DELLO SPORTGabigol e Gerson, due giocatori che non hanno brillato in Italia, in particolare il secondo con le esperienze alla Fiorentina e alla Roma, e che stanno invece facendo grandi cose in patria.

La Roma ha pescato il Siviglia di Monchi negli ottavi di finale di Europa League. Le parti si sono lasciate appena un anno fa e l’ex ds giallorosso ha intenzione di dimostrare il valore che tutti gli riconoscono, tranne che nella Capitale.

Non è una stagione facile per gli esterni alti della Roma, ognuno per un motivo o per un altro non ha potuto trovare continuità. Ora il problema sembra in via di risoluzione visto che, Zaniolo a parte, Fonseca li ha tutti disponibili e può addirittura fare turnover.

Nella semestrale licenziata ieri dal CDA della Roma spiccano tre cose, non sorprendenti ma significative: il riscatto a titolo definitivo di Carles Perez (1 milione per il prestito, 11,5 per il riscatto, 4,5 di bonus variabili), Mancini e Veretout.

Nel giro di due ore il prezzo è quintuplicato fino a diventare, poco dopo, sold out. Segno che i tifosi giallorossi non vedono l’ora di seguire la squadra in Spagna. A prendere parte a questa trasferta saranno poco più di 2000. E’ comprensibile che i biglietti vadano esauriti in poco tempo, vista anche la prelazione per chi ha già seguito i capitolini in altre trasferte europee in stagione. Lo riporta La Gazzetta dello Sport. 

Contro il Cagliari infatti giocherà Fazio al posto di Mancini, che è squalificato e forse è un bene viste le recenti prestazioni sottotono. A destra giocherà Bruno Peres mentre a sinistra è pronto Spinazzola che sostituirà un Kolarov esausto che in Belgio ha mostrato evidenti limiti, forse anche per la stanchezza. Lo riporta La Gazzetta dello Sport. 

E’ tutto fatto per il passaggio della Roma da Pallotta a Friedkin, già domani, ma potrebbero slittare al massimo di due giorni, sono attese le firme dei contratti preliminari. Rimane ancora da definire la valutazione del club, che oscilla sui 700 milioni di euro complessivi. In questa cifra sono compresi i 270 milioni di esposizione debitoria, i 150 di ricapitalizzazione e i restanti 280 rimanenti andranno a una trentina di soci di cui Pallotta è il front man.

IL CORRIERE DELLA SERAL’Inter dall’urna di Nyon pesca il Getafe, la Roma il Siviglia. I giallorossi ritroveranno il loro ex direttore sportivo, Monchi, arrivato nella Capitale come un Re Mida e andato via l’8 marzo scorso come il peggior nemico.

Il Siviglia dell’ex Monchi non è una squadra facile da affrontare. Lo ammette anche Paulo Fonseca dopo il sorteggio: “Il Siviglia è una delle squadre più forti della competizione, la conosco bene e ha un grande allenatore. Ha giocatori di esperienza che in questo momento sono quarti in Liga, è una squadra fortissima“.

Tra Roma e Siviglia non ci sono precedenti ufficiali ma i giallorossi ne hanno 38 con le squadre spagnole: 13 vittorie, 5 pareggi e 20 sconfitte. Negli scontri a eliminazione diretta però i capitolini hanno passato il turno 5 volte su 10, tra cui le ultime due: Villareal e Barcellona.

IL TEMPOProprio lui, il dirigente prima amato e poi ripudiato da Pallotta, l’uomo che secondo il presidente e la stragrande maggioranza dei romanisti è colpevole del ridimensionamento giallorosso, causa cessioni eccellenti e acquisti toppati. Sarebbe in realtà lo stesso diesse della squadra arrivata a giocare la semifinale di Champions, ma con una rosa costruita in gran parte da Sabatini.

Oltre alle assenze dello squalificato Mancini (Fazio al suo posto) e dell’infortunato Pellegrini (fiducia a Mkhitaryan) è in dubbio la presenza di Perotti e Veretout.

Ieri mattina sono stati ultimati i contratti preliminari e i legali di Pallotta hanno inviato la documentazione agli uomini di Friedkin, che si sono riuniti alle 8 di mattina (le 15 in Italia) a Houston per iniziare le procedure del signing. Per le firme vere e proprie servirà ancora qualche ora – le parti hanno stabilito per mercoledì il limite massimo – ma ha già preso il via la ricognizione congiunta di tutti i documenti (500 pagine più allegati per un totale di 650 pagine).

IL MESSAGGEROConfronto inedito tra i due club: andata il 12 marzo in Spagna, ritorno in Italia il 19. I giallorossi ritrovano ad un anno di distanza l’ex direttore sportivo Monchi che ha unito tutta la tifoseria capitolina nel definirlo un fallimento. Sarà ricordato per le cessioni di AlissonNainggolanSalah e Strootman (l’olandese anche a mercato chiuso).

In queste ore ha ricevuto l’ok dal proprio board per firmare il contratto che gli permetterà poi di arrivare al closing entro la fine di marzo o la metà di aprile per un investimento di poco superiore ai 700 milioni. Il CEO Fienga è stato avvertito da qualche giorno: il signing è previsto a Borsa chiusa e quindi non è escluso che venga ufficializzato tra oggi e domani, oppure da lunedì in poi. Lo riporta Il Messaggero.

La terapia conservativa scelta per lui avrebbe dovuto restituirlo a Fonseca in un mese ma sono passati 37 giorni e il centrocampista non è stato ancora convocato. L’allenatore portoghese ha detto che non sarà facile averlo pronto per la partita contro il Siviglia e in quell’occasione di giorni ne sarebbero passati 50.

LA REPUBBLICATra il sorteggio europeo, la partenza di oggi per Cagliari, e l’imminente cambio societario, di carne al fuoco in casa Roma ce ne è parecchia. Il tecnico si è fatto una ragione di non poter giocare di lunedì ma ha mal digerito questa cosa, ritenendo che siano troppe poche 72 ore per recuperare da una trasferta difficile come quella di Gent. Mercoledì prossimo invece Friedkin metterà la firma su tutti i documenti (oltre 500 pagine) che sanciranno il passaggio di proprietà della Roma da Pallotta al magnate texano. Lo riporta La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Edicola