Resta in contatto

Rassegna Stampa

Cannavaro: “In Cina stare a casa funziona. Così l’Italia ripartirà”

Le parole dell’ex Campione del Mondo

Fabio Cannavaro era in Cina quando è partita l’epidemia di Coronavirus. Ora nel paese asiatico i contagi si stanno quasi azzerando e il tecnico del Guangzhou ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Repubblica. Questo un estratto:

In Cina il virus è stato bloccato?
“Lo stanno gestendo da qualche settimana. I nuovi casi arrivano da fuori. Perciò noi a Dubai avevamo fatto anche l’esame del sangue. Dopo il transito da Hong Kong, appena atterrati a Guangzhou ci hanno fatto il tampone e messo in quarantena per due settimane. Agli italiani dico: state in casa c’è poco da scherzare”.

I cinesi hanno capito che era essenziale non uscire…
“Appunto. Ricordo la seconda ondata del virus. Ci misuravano sempre la febbre. C’erano posti di blocco, i militari, le ambulanze. Guai a sottovalutare il problema. I cinesi un ospedale lo mettono su in dieci giorni. Noi, in Italia, abbiamo poco più di 5mila posti in rianimazione. Non possiamo permetterci tanti contagi, altrimenti i medici sono costretti a scegliere i pazienti da salvare. La strada è una sola”.

Non uscire?
“Non mi stanco di ripeterlo. L’Italia sta facendo un grandissimo sforzo e le cose giuste, prima di altri paesi europei. Forse il caldo aiuterà ma è molto più importante stare a casa adesso. Non c’è business che tenga”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa