Resta in contatto

News

La Roma consegna 13mila mascherine agli ospedali romani (TWEET)

La campagna lanciata dal club giallorosso per raccogliere i fondi per la lotta al Coronavirus arriva a 250mila euro. Nei prossimi giorni arriveranno altri materiali

Continua l’impegno della Roma nella lotta al contrasto del Coronavirus. Oggi la società giallorossa ha consegnato 13mila mascherine, che saranno distribuite ai nosocomi romani. Di seguito, la nota pubblicata dalla Roma.

La Roma ha iniziato a distribuire i materiali di prima necessità agli ospedali della capitale, nell’iniziativa di supporto alle strutture che stanno contrastando il Coronavirus. Nella giornata di martedì, la società ha consegnato 13.000 mascherine FFP2 a: Centro di emergenza Ares 118, Policlinico Umberto I, Columbus-Gemelli, Policlinico Tor Vergata, Ospedale Sant’Andrea e Istituto Spallanzani. Sia l’ospedale Sant’Andrea che il Policlinico Tor Vergata hanno anche preso in consegna 60 flaconi di disinfettante per le mani ciascuno.

Lunedì saranno consegnate alter 12.000 mascherine FFP3 e venerdì veranno distribuite 1.500 mascherine FFP3. L’Italia rimane la nazione più colpita al di fuori della Cina dall’epidemia da COVID-19, con oltre 28.000 casi confermati e più di 2.800 vittime. La raccolta fondi avviata dal Club so GoFundMe per aiutare l’Ospedale Spallanzani ha superato i 250 mila euro di donazioni, arrivando così a metà strada rispetto al traguardo prefissato di 500 mila euro. La Roma continuerà nei prossimi giorni a fornire agli ospedali le attrezzature necessarie, tra cui altre maschere, disinfettanti per le mani e attrezzature respiratorie.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News