Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stipendi, tensione sui tagli

Il calcio sembrava un mondo inattaccabile. Poi è arrivato il Coronavirus.

Una pandemia anche per le tasche dei club: nessun incasso da stadio, merchandising azzerato, attività collaterali annullate, contratti in scadenza, broadcaster che si guardano bene dal pagare l’ultima quota annuale per i diritti televisivi. I calciatori sono dipendenti e come tali, per legge, andrebbero retribuiti lo stesso, ma i presidenti di Lega hanno iniziato a sottoporre il problema. Gli ingaggi sono la voce che pesa di più sui bilanci e non può esistere una cassa integrazione.

Chi li paga se il carrozzone non va più avanti? Tra i palazzi del potere inizia a serpeggiare la voce di un possibile muro contro muro tra sindacato e proprietà: ovviamente i calciatori non vorrebbero rinunciare allo stipendio, ma tra i presidenti c’è chi ha fatto i conti. Trecento milioni li spende soltanto la Juventus che ha 11 calciatori nella top20 dei più pagati, poi c’è l’Inter, la Roma, il Milan, il Napoli e la Lazio. I club potrebbero valutare il taglio o la riduzione dei pagamenti per il periodo di inattività oppure adottando misure-tampone come le ferie, utili forse a salvare la stagione.

Il vice presidente dell’AIC, Umberto Calcagno, ha detto: “Abbiamo bisogno di sostegno da parte del Governo. Il calcio paga 1 miliardo di tasse allo Stato. E’ importante che qualcosa, in in momento del genere, venga restituito per aiutare il sistema“. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa