Resta in contatto

Prima Squadra

Pastore: “In Italia abbiamo inizialmente sottovalutato l’emergenza Coronavirus”

Roma

Il centrocampista giallorosso: “Se ne parlava quasi come fosse uno scherzo, fino a che gli ospedali sono stati colpiti”

Javier Pastore torna a parlare. Il centrocampista della Roma ha parlato ai microfoni dell’emittente argentina Cadena 3 e ha descritto la situazione che sta vivendo assieme ai compagni di squadra, fermi per l’emergenza coronavirus.

“In Italia all’inizio non si dava tanta importanza, se ne parlava quasi come fosse uno scherzo, fino a che gli ospedali sono stati colpiti. Da mercoledì scorso siamo in quarantena a casa, senza poter fare nulla, andare ad allenarsi, muoversi o viaggiare. Io mi alleno mattina e pomeriggio per poter dividere la seduta in più parti e occupare il tempo. Per noi che stiamo spesso fuori e viaggiamo molto è un’occasione per stare con i bambini e la sto sfruttando. Dovevamo allenarci questo mercoledì (oggi, ndr), avevamo in programma un allenamento a gruppi in orari diversi, ma dopo le decisioni del Governo è tutto fermo. E non sappiamo se realmente tutto terminerà il 3 aprile. Potrebbe durare anche di più. Il club ci ha invitato tutti i materiali, seguiamo programmi personalizzati e quindi lavoriamo. Credo che questo stop durerà più a lungo del 3 aprile, poi quando riprenderemo avremo bisogno di quindici giorni di preparazione”.

In conclusione, Pastore ha parlato anche di un possibile ritorno in patria: “Spero che un giorno, con l’aiuto di Dio, si possa fare”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra