Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Veretout: “Gioco con le mie figlie e mi alleno”

 “Dico alle mie figlie che nell’aria c’è una piccola bestia e bisogna restare a casa“.

Jordan Veretout spiega così il coronavirus alle piccole Aalyah e Kaylie, mentre le coinvolge in giochi e balli. Un papà affettuoso che in queste giornate senza campo sta dedicando molto più tempo alla famiglia. “Roma sembra una città morta” ha dichiarato ai microfoni dell’Equipe, “A Trigoria l’attenzione era molto alta, avevamo tutti guanti e mascherine, non potevamo mangiare insieme né salutarci. E’ complicato vedere le immagini degli ospedali, preferisco quelle dei balconi dove si canta perché gli italiani mostrano sempre solidarietà“. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa