Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Coronavirus nel Lazio, numeri e bollettino medico del 25 marzo

Ecco i dati della regione Lazio del 25 marzo

Alessio D’Amato, assessore alla sanità della si è soffermato sulla becessità di «mantenere altissima l’attenzione. Oggi registriamo un dato di 173 casi di positività con un trend intorno al 10%. Il dato incoraggiante riguarda l’aumento costante dei guariti che nelle ultime 24 salgono di 28 unità arrivando a 131 totali. Sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 3.150 e sono 15 i decessi».

A Roma i positivi sono 114, in lieve calo. Oggi a Tor Vergata sono «deceduti 2 uomini di 91 e 79 anni con patologie pregresse». Lo rende noto il Policlinico nel bollettino della task force della Regione Lazio. «È guarito 1 paziente in isolamento domiciliare ed è stato completato lo svuotamento della torre 8 per rendere operativo il Covid Hospital 4 Tor Vergata per 80 posti entro il 31 marzo. Oggi son o stati attivati i primi 20 posti, domani saranno attivati ulteriori 20 posti», conclude il Policlinico. Anche al Policlinico Umberto I di Roma sono morte delle persone, oggi: una donna di 84 anni, una donna 90enne, un uomo di 70 anni e un uomo di 53 anni, «tutti con patologie preesistenti», fa sapere il policlinico romano nel bollettino della task force della Regione Lazio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News