Resta in contatto

Giallo&Rosso

Grazie per tutte le volte che ci hai fatto disegnare l’amore per la Roma

E’ scomparso Piero Gratton, il disegnatore e ideatore del “Lupetto” della Roma

Grazie Piero.
Grazie per tutti i fogli, i diari, gli appunti, i banchi di scuola, i muri della città riempiti con il tuo lupetto.
Grazie per tutte quelle volte che abbiamo provato a rifarlo esattamente come tu, e solo tu, lo avevi concepito.
Grazie per averlo reso così bello e semplice ma allo stesso tempo così difficile da replicare.
Grazie per averlo pensato e disegnato così duro e spigoloso, ma solo in apparenza.
Grazie per aver dato forma ad un sentimento, per aver disegnato un simbolo eterno che ci ha fatto sentire sempre a casa, che ha rappresentato per tutti noi una stella polare.
Grazie perché lo abbiamo sentito talmente nostro che lo abbiamo indossato con orgoglio, su magliette, collane, bracciali e sulla pelle, infiniti tatuaggi a renderlo immortale.
Grazie perché quel lupetto ci ha rappresentato in campo, lo abbiamo visto sul petto dei nostri giocatori più forti e fieri.
Grazie perché quel lupetto ha mantenuto nel tempo un fascino che non aveva scadenza, un fascino eterno, non solo grafico ma morale. Era ed è il “Lupetto della Roma”.

Grazie Piero Gratton per esser riuscito a dare forma all’amore. Il nostro, che custodiamo da decenni con gelosia morbosa.
Ieri sera abbiamo riaperto cassetti, rivisto foto, ripreso maglie e ce lo siamo baciati.
Lo stemma della Roma, il Lupetto della Roma. E’ lì e lo sarà per sempre.

Grazie Piero per tutte le volte che ci hai fatto disegnare l’amore per la nostra Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Giallo&Rosso