Resta in contatto

Roma Femminile

Giugliano: “La Roma il mio presente e futuro”

Le parole della centrocampista della Roma Femminile

Manuela Giugliano, numero 10 della Roma Femminile ha rilasciato questa intervista a Voilà Magazine:

Oggi sei la centrocampista offensiva della Roma e della nazionale italiana. Hai alle spalle una lunga gavetta, in cui ti sei contraddistinta per le tue peculiarità e il tuo grande talento. Come hai fatto a raggiungere questi risultati?
“Il raggiungimento di qualsiasi tipo di risultato è frutto di sacrifici e determinazione. Ci ho sempre creduto, nonostante le molte difficoltà. Gli ostacoli ci sono e ci saranno per sempre fino alla fine della mia carriera, ma in questi anni mi ha aiutato molto la consapevolezze delle mie capacità. Il come è inspiegabile, ma sono sicura che le emozioni che il calcio mi ha sempre dato, mi hanno aiutata a essere sempre più determinata. Infine il sostegno della mia famiglia è stato molto importante”.

La tua passione per il calcio quando è nata? Hai avuto problemi come donna a realizzarti in questa disciplina?
“La passione per il calcio è nata fondamentalmente da mio papà, super tifoso della Juventus e con un buon passato da calciatore. Mi ha assecondata fin da piccola, portandomi nella scuola calcio del paese dove vivevo con i miei genitori ad Istrana, in provincia di Treviso. All’inizio i maschietti erano fortemente scettici nei miei confronti, ma poi mi hanno riconosciuta all’interno della squadra come giocatore in tutti i sensi, grazie anche alle mie caratteristiche come giocatrice. Poi io ero una di poche parole. Amavo giocare. Ed era tutto ciò che contava. Il genere a quel punto era irrilevante, anche se mi spogliavo in un altro spogliatoio”.

Quali sono i tuoi sogni per il futuro?
“Ora nel mio presente e immediato futuro c’è la AS Roma. Io vorrei continuare a giocare cercando di mantenere quella spensieratezza e quel sorriso che oggi mi rendono serena. Spero di contribuire a far crescere il calcio femminile in Italia, ma per fare questo dobbiamo avere la possibilità di farlo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile