Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Esclusive

ESCLUSIVA SLR, c’è Niakhaté per la difesa giallorossa

Il difensore francese è sul taccuino di Petrachi da tempo

Il direttore sportivo giallorosso Gianluca Petrachi sta disegnando da mesi la nuova Roma: una squadra talentuosa, giovane ma allo stesso tempo ambiziosa. Tanti i profili seguiti ma uno su tutti per la difesa del prossimo anno: si tratta di Moussa Niakhaté.

Classe ’96, difensore francese (con origini maliane) di piede sinistro, Niakhaté è stato scovato dagli scout del Mainz tre anni fa, quando il giovane indossava la maglia del Metz: nell’estate del 2018 il trasferimento in Bundesliga per una cifra vicina ai 6 milioni di euro.
Già nel giro della nazionale francese U21 (con 11 presenze), il difensore francese è diventato un pilastro del club tedesco: 59 presenze nell’ultimo anno e mezzo, di cui 55 da titolare, e punto di riferimento dei tifosi del Mainz (su Instagram qualcuno lo vorrebbe capitano).

L’attuale valore di mercato si aggira attorno agli 11 milioni di euro ma gli scout di mezza Europa sono pronti a scommettere su di lui. Petrachi lo segue dai tempi del Torino e continua a monitorare la situazione da vicino.

Il calciatore intanto ha parlato alla BILD in merito all’emergenza Coronavirus:La situazione in Germania non è perfetta, ma migliore che in Francia. Il virus sembra essere sotto controllo qui” dice.
Niakhaté è solo a Magonza, chiama i suoi genitori quasi ogni giorno: “Non so quando potrò rivederli: la vita di tutti i giorni deve tornare alla normalità e poi dipende anche se e quando possiamo giocare di nuovo. Ma ovviamente voglio andarli a trovare non appena mi sarà permesso“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Esclusive