Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Arrestato il calciatore turco Cevher Toktas per l’omicidio del figlio piccolo: “L’ho soffocato”

Militava tra le fila del Bursa Yildirim Spor e, undici giorni dopo il decesso del bambino di 5 anni, ha confessato di averlo ucciso con un cuscino

Il calciatore Cevher Toktas, attualmente in forza al Bursa Yildirim Spor, ha confessato di aver ucciso il suo figlio più piccolo, di soli cinque anni. Il bambino era stato ricoverato d’urgenza con difficoltà respiratorie e febbre altissima, ma per lui non c’è stato niente da fare. Undici giorni dopo il decesso, Toktas ha ammesso di aver soffocato il piccolo con un cuscino. “Ho messo un cuscino sulla testa di mio figlio spingendo. Dopo un po’ ho chiamato i dottori affinché non sospettassero nulla. Non ho mai amato il mio figlio più piccolo, non ho alcun problema mentale. L’unica ragione per cui l’ho fatto era perché non lo volevo“.

Toktas è stato arrestato nelle scorse ore, quando si è consegnato alla polizia e ha confessato il delitto. Due settimane fa, quando il bambino venne ricoverato d’urgenza in ospedale con febbre alta e sintomi riconducibili al COVID-19. Le gravi difficoltà respiratorie si sono rivelate fatali per il piccolo che è morto dopo due ore di agonia nel reparto di terapia intensiva della struttura sanitaria di Bursa. Ora l’uomo sarà processato per omicidio e rischia l’ergastolo. Lo riporta FanPage.it.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News