Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Coronavirus, grigliate e festini fino a tardi per Gabigol: denunciato dai vicini (FOTO)

L’ex nerazzurro accusato da un gruppo di condomini per “essersene infischiato delle regole” e per averli tenuti “svegli tutta la notte”

Gabigol ancora sotto i riflettori: l’ex attaccante nerazzurro, dopo aver trascinato il Flamengo alla vittoria del campionato e della coppa Libertadores, è finito al centro delle polemiche per la sua movimentata vita all’interno delle mura domestiche durante la quarantena imposta dal governo brasiliano per l’emergenza del Coronavirus. Il brasiliano avrebbe, infatti, trascorso giorni e notti in compagnia di amici, tra festini, grigliate e musica alta fino a tarda notte.

A denunciare Gabigol per “essersene infischiato delle regole” sono stati i suoi vicini di casa nel quartiere carioca di Barra de Tijuca. “Se la spassa in continuazione organizzando feste e grigliate con decine di amici. Domenica scorsa – ha denunciato un vicino al quotidiano O Dìa – lo abbiamo visto anche durante una chat in rete in cui comparivano diverse persone alle sue spalle. Per non parlare della musica a tutto volume che ci ha tenuto svegli fino alle 6 del mattino successivo”.

Nei giorni scorsi Gabigol aveva anche fatto una live Instagram in cui si intravedevano alcuni amici in casa: accortosi dell’errore, aveva subito cancellato tutto ma O Dia ha comunque pubblicato un frame del video.

La live poi cancellata.

Notizia che è al centro di una vera e propria bufera, soprattutto considerando che il Brasile vede il record di decessi per Coronavirus in un giorno (882) e il Flamengo registra 38 infetti in una settimana (club brasiliano con il più alto numero di contagi).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News