Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Tacconi: “Per me il Coronavirus è solo un’influenza. Io riprenderei a giocare, anche con il pubblico”

L’ex portiere della Juventus: “Ripresa campionati? Ora come ora c’è troppa confusione, spero che la Serie A e B con 40 squadre sia più gestibile”

Stefano Tacconi si schiera con chi pensa che il Coronavirus non sia un virus pericoloso come è stato descritto, nonostante i tanti decessi e le tante persone colpite dal Covid-19. “Il Coronavirus? Per me è un’influenza. Quando in una conferenza mi diranno che ci sono stati mille morti, mi dicano quali di Coronavirus, non si può fare di tutta l’erba un fascio”, ha detto l’ex portiere della Juventus.

Tacconi, inoltre, pensa che si possa riprendere a giocare anche con il pubblico negli stadi: “Io sarei per riprendere a giocare, anche con il pubblico. Ripresa campionati? Ora come ora c’è troppa confusione, spero che la Serie A e B con 40 squadre sia più gestibile. Dalla C in giù ci sono squadre che non possono andare in giro per l’Italia”, le sue parole a Radio Sportiva.

49 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

49 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News