Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 16 maggio 2010: la Roma batte il Chievo ma non basta per lo scudetto (VIDEO)

I giallorossi di Ranieri vincono a Verona, ma la vittoria dell’Inter a Siena infrange il sogno

Il 16 maggio 2010 si gioca l’ultima partita del campionato di Serie A 2009-10. La Roma è di scena a Verona contro il Chievo e lo stadio Bentegodi è tappezzato di giallorosso in ogni settore. Ci si gioca lo scudetto punto a punto con l’Inter, impegnata a Siena.

La Roma attacca sin dall’inizio e Totti sfiora la rete in più riprese: prima un destro che si stampa sul palo, poi un pallonetto che termina fuori di poco e, infine, da due passi non arriva a spingere in porta un cross basso (probabilmente il capitano giallorosso era stato leggermente sbilanciato da un difensore clivense). Nel finale di tempo la Roma concretizza la pressione: al 39′ lancio millimetrico di De Rossi per Vucinic che stoppa a seguire con il petto e scarica una bomba terrificante alle spalle di Squizzi. Al 45′ i giallorossi raddoppiano: Pizarro apparecchia per De Rossi che calcia da 30 metri e batte imparabilmente il portiere del Chievo.

La ripresa scorre via senza sussulti degni di nota: la Roma ha la partita in controllo, il Chievo, già salvo, non spinge. Finisce 0-2 ma non basta: una rete di Milito permette all’Inter di vincere a Siena e di conquistare lo scudetto. Ai giallorossi di Ranieri resta la grandissima rimonta e il sogno sfiorato fino all’ultimo istante.

TABELLINO

CHIEVO: Squizzi, Sar­do, Yepes, Scardina, Jo­kic, Luciano, Iori (78′ Moro), Bentivoglio, Ariatti (58′ De Paula), Grano­che, Pellisier
A disposizione: Sorrentino, Frey, Rigoni, Marcolini
All.: Di Carlo

ROMA: Bertagnoli, Motta (74′ Mexes), Bur­disso, Juan, Cassetti (69′ Tonetto), De Rossi (70′ Brighi), Pizarro, Taddei, Perrotta, Vucinic, Totti
A disposizione: Lobont, Menez, Cerci, Toni
All.: Ranieri

Marcatori: 39′ Vucinic, 45′ De Rossi
Arbitro: Tagliavento

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord