Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Parla Spadafora: “Il 28 maggio riunione con FIGC e Serie A, decideremo il futuro del campionato”

“Si raccomanda la necessità che i tamponi non vadano a incidere sulla necessità dei cittadini”

Dopo aver parlato questo pomeriggio ad Italpress, augurandosi che la ripresa del campionato avvenga il prima possibile, il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora lascia dichiarazione anche sul via agli allenamenti al Tg Sport.

La notizia dell’ok del CTS?

“Mi sembra un’ottima notizia cosi gli allenamenti potranno riprendere. La FIGC è stata disponibile a rivedere la sua prima proposta. Ci sono dei chiarimenti anche sui tempi di quarantena e di isolamento di eventuali giocatori. Si raccomanda la necessità che i tamponi non vadano a incidere sulla necessità dei cittadini”.

Non ci sarà la quarantena per tutta la squadra…

“Si esatto. Ci siamo potuti arrivare perché oggi la situazione ci consente di rivedere queste regole in senso migliorativo. E’ giusto che in un momento in cui tutti gli italiani hanno delle condizioni di ripartenza, anche il calcio possa riprendere in sicurezza”.

Tommasi predica cautela da parte delle istituzioni ma chiede una data certa per la ripresa…

“Ho convocato poco fa una riunione il 28 maggio alle 15 con Gravina, Dal Pino e tutte le altre componenti di Federazione e Lega. Giovedì prossimo potremo avere tutti i dati per decidere se e quando ripartirà il campionato. Decideremo in quella data”.

Si parla dell’ipotesi dei playoff…

“Mi accusano di essere totalmente estraneo al mondo dello sport. A cambiare idea non sono solo io ma in tanti, penso anche alla Uefa che ha allentato la dead-line. Penso sia importante concludere il campionato. Quindi si devono valutare tutte le soluzioni che possono far concludere il campionato”.

C’è chi la dipinge come il nemico del calcio italiano ma lei poteva fare come fatto in Francia…

“Sarebbe stata la scelta d’impulso da fare in un momento così difficile per il paese quando si contavano i morti. Trovavo vergognoso che tre settimane fa mi chiedessero una data certa per la ripartenza. Ora che il paese sta ripartendo è giusto che anche il calcio e tutto il mondo dello sport lo faccia. Questa idea che io sia contro il mondo del calcio prima la trovavo fastidiosa ora solo divertente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News